venerdì 30 aprile 2010

Daiquiri alla fragola

Daiquiri alla fragola

14 fragole

1,6 dl di rum bianco

4 cucchiai di succo di lime (o di limone)

4 cucchiai di sciroppo di zucchero

Se non disponete dello sciroppo versate in una piccola casseruola i cucchiaio di zucchero e 5 cucchiai di acqua; fate scaldare a fiamma bassa sino al totale scioglimento dello zucchero, poi lasciate raffreddare.

Mondate 10 fragole del picciolo, lavatele, asciugatele, raccoglietele nel bicchiere del frullatore e frullatele oppure passatele al setaccio raccogliendole in una ciotola. Lavate le rimanenti fragole senza eliminarne il picciolo.

Riempite lo shaker con il ghiaccio, versatevi il succo di lime filtrato, il rum, lo sciroppo di zucchero e il frullato di fragola.

Chiudete lo shaker e agitatelo per alcuni secondi, quindi togliete la parte superiore e, attraverso l'apposita griglietta, distribuite la bevanda in 4 bicchieri.

Guarnite i bicchieri con le fragole precedentemente tenute da parte, infilandone una su ciascun bordo, quindi servite subito.

giovedì 29 aprile 2010

Insalata di pollo con le uova

Insalata di pollo con le uova

per 4 persone

1 petto di pollo

4 uova

100 g di lattuga

30 g di olive verdi e nere denocciolate

1 costa di sedano

paprica

olio extravergine di oliva

sale

In una piccola casseruola portate a ebollizione poco meno di mezzo litro di acqua, quindi unitevi le uova immergendole nell'acqua con un colino, in modo che i gusci non si crepino, e fatele cuocere per circa lo minuti.

Scolate le uova, passatele in una bacinella di acqua e ghiaccio, quindi sgusciatele sotto il getto dell'acqua fredda e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Ungete con mezzo cucchiaio di olio una padella antiaderente e fatevi cuocere il petto di pollo 4-5 minuti per parte a fiamma medio-alta, salandolo soltanto a fine cottura, poi tagliatelo a bocconcini.

Mondate la costa di sedano delle foglie e dei filamenti che la percorrono in lunghezza, quindi lavatela e affettatela.

Lavate la lattuga, asciugatela e spezzettatela con le mani; tagliate le olive a metà nel senso della lunghezza.

Distribuite la lattuga e il sedano nei piatti singoli e disponetevi sopra il petto di pollo, le mezze uova sode e le olive; cospargete le uova di paprica e servite a parte sale e olio perché ogni commensale possa condire la propria porzione.

mercoledì 28 aprile 2010

Ceci e fave con cipolla in insalata

Ceci e fave con cipolla in insalata

per 4 persone

200 g di fave, già sgranate

100 g di ceci

1/2 cipolla rossa di Tropea

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

1 cucchiaino di paprica

1i foglia di alloro

menta o altra erba aromatica

olio extravergine di oliva

sale

Mettete i ceci in ammollo in acqua per 12 ore. Scolateli, raccoglieteli in una casseruola con l'alloro e abbondante acqua, portate a ebollizione, regolate la fiamma e lasciateli cuocere per circa 2 ore e 30 minuti salando a fine cottura; eliminate l'alloro. Nel frattempo lessate le fave in una casseruola di acqua bollente per circa 10 minuti, o sino a quando saranno tenere, salandole a fine cottura, poi scolatele. Frullate mezzo mestolo di ceci, 2-3 cucchiai della loro acqua di cottura, il concentrato di pomodoro, la paprica e i cucchiaio di olio; affettate la mezza cipolla e tritatela grossolanamente.

Raccogliete in una insalatiera i ceci scolati, le fave, la cipolla e le foglie di menta pulite con un panno, versatevi sopra la salsa ottenuta frullando i ceci, mescolate e servite nei piatti singoli.

martedì 27 aprile 2010

Uova strapazzate con pesce affumicato ed erba cipollina

Uova strapazzate con pesce affumicato ed erba cipollina

per 4 persone

8 uova

120 g di pesce affumicato a caldo

10 fili di erba cipollina

10 g di burro

1 cucchiaio di succo di limone

sale

pepe

focaccia (facoltativa)

Sgusciate le uova in una ciotola e salatele leggermente senza mescolarle; fate fondere in una padella antiaderente il burro a fiamma molto bassa, togliete il recipiente dal fuoco e dopo poco versatevi le uova; fatele cuocere a fiamma molto bassa mescolandole in continuazione in modo da ottenere un composto cremoso di colore omogeneo: facendo cuocere a fiamma alta, otterreste una preparazione di colore non omogeneo in quanto le parti bianche e gialle si separerebbero.

Distribuite le uova nei piatti singoli, disponetevi sopra il pesce affumicato, sgocciolatevi il succo di limone, completate con l'erba cipollina, abbondante pepe e servite. Potete accompagnare il piatto con una focaccia. Il pesce affumicato a caldo si riconosce perché è parzialmente cotto e presenta in superficie una crosticina più o meno scura.

lunedì 26 aprile 2010

Uova poché con purè di piselli

Uova poché con pure di piselli

per 4 persone

4 uova

80 g di piselli secchi

2 rape

1 cipolla piccola

aceto

olio extravergine di oliva

sale

pepe

pane tostato alla frutta (facoltativo)

Mettete i piselli in ammollo per 2 ore in una terrina di acqua tiepida. Mondate le rape e fatele cuocere in acqua bollente salata per circa 3o minuti, poi scolatele. Nel frattempo sbucciate la cipolla, affettatela e fatela appassire per 5 minuti in una casseruola con i cucchiaio di olio a fiamma bassa, mescolandola spesso per evitare che imbiondisca.

Unite i piselli ben sgocciolati, lasciate insaporire per 2-3 minuti, poi coprite con acqua e lasciate cuocere per i ora e 30 minuti, salando a fine cottura. Tenete da parte i cucchiaio di piselli e frullate la preparazione unendo (se necessario) poca

acqua calda e i cucchiaio di olio; distribuite il purè ottenuto nei piatti singoli; affettate le rape a dischi e disponetele sul purè.

Portate a ebollizione abbondante acqua, salatela, versatevi un poco di aceto e mescolate in senso orario; sgusciate i uovo in una tazza, poi fatelo cadere nel centro del recipiente: il movimento rotatorio farà avvolgere l'albume attorno al tuorlo; quando l'albume si sarà rappreso, sgocciolate l'uovo con una schiumarola, mettetelo su un panno ad asciugare e quindi sulle fette di rapa, completando con qualche pisello; condite con pepe e i cucchiaino di olio. Ripetete l'operazione con le restanti uova. Potete completare con pane tostato alla frutta.

domenica 25 aprile 2010

Anelli di calamaro croccanti con salsa al lime

Anelli di calamaro croccanti con salsa al lime

per 4 persone

250 g di calamari

2 lime

farina

olio extravergine di oliva

olio per friggere

sale

prezzemolo o origano fresco (facoltativi)

Spremete i lime, filtratene il succo e raccoglietelo in una casseruola; unitevi altrettanta acqua, scaldatelo, incorporatevi 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e spegnete la fiamma; potete completare la salsa con i cucchiaio di prezzemolo tritato o altrettanto origano fresco.

Pulite i calamari: svuotateli, eliminate la penna cartilaginosa e la pelle, sciacquate le sacche, private le teste di occhi e becco e sciacquatele. Asciugate i molluschi, tagliate le sacche ad anelli, accorciate eventualmente i tentacoli e infarinate il tutto: potete farlo chiudendo in un sacchetto resistente la farina e i calamari, quindi agitando l'insieme che verserete infine su un setaccio.

Scaldate abbondante olio per friggere in un tegame e quando sarà caldo, ma non fumante, unitevi i calamari, pochi per volta. Sgocciolateli, a mano a mano che risulteranno dorati, con l'apposita paletta e raccoglieteli su carta assorbente da cucina. Distribuiteli nei piatti singoli e salateli solo all'ultimo momento. Portateli in tavola accompagnandoli con la salsa a parte.

sabato 24 aprile 2010

Acciughe impanate e fritte

acciughe impanate e fritte

per 2 persone

400 g acciughe

2 uova

farina q.b.

pan grattato q.b.

sale q.b. da mettere dopo la frittura

Pulire le acciughe, aprirle e lavarle. Metterle su un tagliere a colare via l'acqua in eccesso.

Passare le acciughe prima nella farina per togliere l'umidità, poi nell'uovo e per ultimo nel pane grattugiato. Friggere e salare una volta fritte. Servire immediatamente.

venerdì 23 aprile 2010

Crostini di calamari, pomodori e puntarelle

Crostini di calamari, pomodori e puntarelle

per 10 crostini

3 calamari grandi

350g di pomodorini

100g di puntarelle

80 g di pane casereccio

7-8 rametti di maggiorana

1 limone

1 spicchio di aglio

1 pezzetto di peperoncino

1 rametto di prezzemolo

1 rametto di timo

olio extravergine di oliva

sale

Pulire i calamari; lavare, asciugare, tagliare a nastri e mettere in un recipiente con l'aglio affettato, il succo di un quarto di limone, il peperoncino e il prezzemolo spezzettati e alcuni cucchiai di olio. Lasciare marinare per circa due ore.

Incidere la buccia dei pomodorini con un piccolo taglio a croce, immergere in acqua bollente per alcuni secondi, estrarre con una schiumarola, raffreddare in acqua

ghiacciata, sbucciare, dividere in quarti e privare dei semi.

Mettere la polpa in una ciotola e condire con olio, sale e timo tritato. Lasciare riposare mezz'ora quindi trasferire gli spicchi di pomodoro su una teglia rivestita con carta da forno e fare essiccare in forno caldo a 80° C per circa 4 ore. Lasciare raffreddare e tritare finemente.

Pulire le puntarelle, togliere le parti fibrose e tagliare a striscioline; mettere in un'insalatiera e condire con olio, sale e limone.

Privare il pane casereccio della crosta, ritagliare 10 rettangoli aventi il lato maggiore di 3 centimetri e quello minore di 2 e fare tostare leggermente in forno o sotto la salamandra.

Sgocciolare i nastri di calamari dalla marinata (eliminando gli aromi) e fare grigliare brevemente. Disporre i nastri sui crostini fissandoli con uno stecchino e guarnire

con i pomodorini essiccati, le puntarelle e la maggiorana.

giovedì 22 aprile 2010

Tartufi al Grand Marnier

Tartufi al Grand Marnier

per 20 tartufi

300 g di cioccolato fondente

8 dl di panna fresca

30 g di burro

50 g di cioccolato al latte a scaglie

Scaldate il cioccolato tritato e la panna a bagnomaria, con l'acqua in leggero bollore.

Mescolate di tanto in tanto finché il composto sarà lucido e omogeneo. Togliete la pentola dal fuoco e unite il liquore e il burro. Versate il tutto su una piastra e coprite con pellicola trasparente. Tenete il composto nel frigorifero per 1-2 ore, o finché sarà freddo e consistente al tatto. Prelevate un cucchiaino di composto per volta e formate delle palline con le mani, disponendole su un vassoio. Proseguite fino a esaurimento del composto. Tenete in frigorifero per 30 minuti. Mettete il cioccolato grattugiato o a scaglie su un vassoio. Togliete i tartufi dal frigorifero e passateli tra le mani per scaldarne leggermente la superficie, quindi passateli immediatamente nel cioccolato. Ripetete il procedimento fino a esaurimento dei tartufi.

mercoledì 21 aprile 2010

Noci brasiliane ricoperte al cioccolato

Noci brasiliane ricoperte di cioccolato

per 25 noci

200 g di noci brasiliane

150 g di cioccolato fondente

10 g di burro

225 g di zucchero semolato

Rivestite una piastra con carta da forno e ungete leggermente la carta. Mescolate 1,25 dl di acqua e lo zucchero in una pentola dal fondo spesso.

Portate a ebollizione a fuoco medio. Quando lo zucchero inizierà a sobbollire abbassate rapidamente la fiamma, e quando inizierà a caramellare, diventando dorato, togliete subito la pentola da fuoco e immergetene la base in un'altra pentola piena per metà di acqua fredda. Togliete la pentola dall'acqua e immergete nel caramello una noce brasiliana rigirandola con 2 forchette.

Disponetela sulla piastra precedentemente preparata. Ripetete il procedimento fino a esaurimento delle noci. Potrebbe essere necessario rimettere il caramello sul fuoco a fiamma bassa perché resti abbastanza caldo da ricoprire uniformemente le noci. Lasciate raffreddare le noci completamente. Una volta indurite, immergetene ciascuna per metà nel cioccolato fuso. Disponetele nuovamente sulla piastra. Attendete che il cioccolato indurisca e servite le noci con il caffè.

lunedì 19 aprile 2010

Bastoncini al cacao

Bastoncini al cacao

per 50 bastoncini

150 g di cioccolato fondente

8 dl di panna fresca

2 cucchiai di sciroppo di canna da zucchero

per la guarnizione

50 g di cioccolato fondente

25 g di cacao amaro

Mettete la panna e lo sciroppo in una pentola e portate lentamente a ebollizione. Mettete il cioccolato tritato in una terrina e versatevi sopra il composto, mescolando finché il cioccolato sarà sciolto completamente e la salsa comincerà ad addensarsi. Lasciate riposare il tutto per 30 minuti, finché sarà abbastanza denso. Trasferite il composto in una tasca da pasticcere con beccuccio piatto da 7 mm. Rivestite 1-2 piastre con carta da forno e formate delle strisce di cioccolato alla distanza di 2 cm l'una dall'altra.

Tenetele nel frigorifero per 1 ora, o finché saranno consistenti al tatto, quindi tagliate ciascuna striscia a pezzi lunghi 10 cm. Passate delicatamente un coltello sotto i bastoncini e metteteli tutti su una sola piastra. Metteteli nel frigorifero. Preparate la guarnizione. Setacciate il cacao su un vassoio. Mettete un po' di cioccolato sul palmo della mano, passate i bastoncini nel cioccolato e quindi subito nel cacao in polvere. Ripete il procedimento fino a esaurimento.

Guarnizione: fondete il cioccolato a bagnomaria, con l'acqua in leggero bollore. Una volta che si sarà sciolto, lasciate raffreddare per qualche minuto.

domenica 18 aprile 2010

Bruschette con carpaccio di manzo e ovoli

Bruschette con carpaccio di manzo e ovoli

per 10 bruschette

200 g di filetto di manzo

40 g di rucola

40 g di insalata riccia

10 scaglie di Parmigiano reggiano

10 fette di pane casereccio

7-8 foglie di prezzemolo

1 ovolo medio-grande

1 cucchiaino di succo di tartufo

1 ciuffo di rosmarino

1/2 cucchiaino di senape

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

olio extravergine di oliva

sale

Tritare finemente il rosmarino e il prezzemolo. Affettare finemente il filetto e mettere le singole fette in una busta per sottovuoto; battere delicatamente con un batticarne e togliere.

In un piatto fondo, diluire la senape con 3 cucchiaini di Aceto Balsamico, 2 pizzichi di sale e un cucchiaino di trito aromatico; incorporare quindi 5 cucchiai di olio, versato a filo, sbattendo con una frusta in modo da ottenere una salsa emulsionata.

Lavare la rucola e l'insalata, asciugare, mettere in un'insalatiera e condire con olio, Aceto Balsamico, succo di tartufo e sale.

Fare tostare leggermente il pane sotto il grill o sotto la salamandra e distribuire sopra l'insalata. Immergere le fettine di filetto di manzo nella vinaigrette bagnandole da entrambi i lati per alcuni secondi e stenderle sopra l'insalata. Pulire accuratamente l'ovolo con un telo inumidito, affettare con l'affettatartufi e disporre le fettine sulla carne. Guarnire con le scaglie di Parmigiano.