sabato 10 dicembre 2011

Gnocchi di peperone al formaggio di capra

Gnocchi di peperone al formaggio di capra




per 6 persone

1 peperone rosso grosso
500 g di patate dolci (kumera) tritate
500 g di patate farinose tritate
1 cucchiaio di sambal oelek
1 cucchiaio di scorza di arancia grattugiata
340 g di farina
2 uova leggermente sbattute
500 ml di passata di pomodoro
100 g di formaggio di capra
2 cucchiai di basilico fresco tagliato sottilmente

Dividete il peperone in due ed eliminate i semi e i filamenti. Passate il peperone sotto il grill caldo per circa 8 minuti con la pelle verso l'alto. Una volta arrostito spegnete il grill e chiudete il peperone in un sacchetto di carta da pane. Fatelo intiepidire, pelatelo, quindi frullatelo fino a ottenere un purè omogeneo.
Cuocete i due tipi di patate nell'acqua o al vapore; scolatele con cura, trasferitele in una terrina e schiacciatele fino a ridurle in purè. Lasciate raffreddare leggermente.
Aggiungete al purè di patate, il purè di peperone, il sambal oelek, la scorza di arancia, la farina e le uova; mescolate con cura fino a ottenere una pasta morbida. Infarinatevi le mani e formate gli gnocchi, fateli rotolare delicatamente sui rebbi di una forchetta infarinata.
Cuocete gli gnocchi per circa 2 minuti in abbondante acqua salata. Man mano che salgono a galla, scolateli con la schiumarola. Conditeli con la salsa, guarnite con il formaggio di capra sbriciolato e il basilico e servite subito.

venerdì 11 novembre 2011

Astice con acetosa e salsa all'arancia

Astice con acetosa e salsa all'arancia



per 4 persone

4 code di astice piccole già cotte
50 g di acetosa
3 arance
olio extravergine di oliva
sale





Con le forbici tagliate il carapace degli astici nella parte ventrale e liberate le code, quindi privatele del filo intestinale che le percorre in lunghezza.
Lavate con cura l'acetosa, asciugatela e raccoglietela in una terrina; se non riuscite a reperirla acquistate mezzo mazzetto di agretto (barba di frate), dotato anch'esso di una piacevole nota acidula; eliminate le radici, sciacquatelo più volte sino a quando l'acqua risulterà completamente trasparente, quindi cuocetelo in acqua bollente salata per circa 5 minuti, infine scolatelo, raffreddatelo in acqua fredda, sgocciolatelo e asciugatelo.
Spremete metà arancia, filtrate il succo ottenuto, raccoglietelo in una ciotola, stemperatevi il sale e, sbattendo con una forchetta per emulsionarlo, versate a filo 5 cucchiai di olio; aggiungete alcune foglie di acetosa e passate al mixer. Condite l'acetosa rimasta con i cucchiaio della salsa ottenuta. Tagliate le restanti arance a spicchi.
Riducete la coda degli astici a grossi pezzi; distribuite l'acetosa nei piatti singoli e disponetevi sopra gli astici, guarnite con spicchi di arancia, versate sui crostacei un filo di salsa e servite la rimanente a parte.

lunedì 10 ottobre 2011

Bigoli alle cipolle

Sedanini alla crema di roquefort



per 4 persone



4 cipolle di Tropea

4 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di aceto di Sherry
4 acciughe salate
2 fette di pane raffermo
320 g di bigoli




Affettate 4 grosse cipolle rosse di Tropea, quindi disponetele in una larga padella con 4 cucchiai di olio extravergine di oliva e i bicchiere di acqua.

Cuocete a fuoco medio sino a quando l'acqua sarà stata assorbita e le cipolle inizieranno a sfrigolare; a quel punto bagnatele con 2 cucchiai di aceto di Sherry.

Dissalate e diliscate 4 acciughe salate, poi riducetele a pezzi. Fatele disfare con i cucchiaio di olio extravergine di oliva in un padellina a fuoco dolce, infine unitele alle cipolle e lasciate insaporire per io minuti, regolando di sale.

Togliete la crosta a 2 fette di pane raffermo ma non secco, quindi tritatelo nel mixer e tostatelo in forno in una padella antiaderente.
Cuocete in acqua bollente salata 320 g di bigoli o spaghetti integrali, lasciandoli ai dente; conditeli con le cipolle, cospargeteli di pane tostato e completate con pepe macinato al momento, in quantità a piacere.

domenica 9 ottobre 2011

Sorbetto di avocado al pepe rosa

Sedanini alla crema di roquefort



per 4 persone


1 avocado
1 zucchina
zucchero
1/2 cucchiaio di succo di limone
pepe rosa in salamoia




Aprite l'avocado tagliandolo a metà nel senso della lunghezza, privatelo del nocciolo, poi sbucciatelo e pesatelo.

Tagliatelo grossolanamente e mettetelo nel bicchiere del frullatore con altrettanta acqua, cucchiaino di pepe, il succo di limone e lo zucchero, calcolandone 40 g ogni 100 g di avocado e acqua, quindi frullate sino a ottenere un composto cremoso.
Versate il composto nella gelatiera e azionate il timer oppure trasferitelo in un recipiente metallico, riponetelo nel freezer e lasciatevelo per 30 minuti, quindi estraetelo e mescolate energicamente. Rimettetelo nel freezer e lasciate rassodare il composto per altri 30 minuti, poi estraetelo e mescolate nuovamente. Ripetete la stessa operazione per altre 3 volte.
Mondate la zucchina e, aiutandovi con un pelapatate, tagliatela a fettine sottili nel senso della lunghezza; sistemate le fettine ottenute in 4 bicchieri, poi disponetevi sopra il sorbetto, guarnite con qualche foglia di avocado e servite subito.

domenica 2 ottobre 2011

Corzetti con pesto di catalogna

Sedanini alla crema di roquefort


per 4 persone


200 g di cuore di catalogna
150 g di farina 00
75 g di farina di grano saraceno
75 g di semola di grano duro
50 g di olio extravergine
20 g di farina di mandorle
20 g di mandorle a lamelle
sale



Mescolate la farina 00, quella di grano saraceno e la semola con un pizzico di sale, poi impastatele con g 125 di acqua e g,10 di olio. Lavorate fino a ottenere un impasto liscio ed elastico, copritelo e fatelo riposare. Mettete nel bicchiere del mixer la catalogna mondata a pezzetti, l'olio rimasto. un pizzico di sale e la farina di mandorle, quindi frullate fino a che il composto sarà omogeneo (pesto). Stendete la pasta in una sfoglia non troppo sottile (2 mm), tagliatevi dei dischi con un tagliapasta (o 4 cm) e, se l'avete, pressateli con l'attrezzo per fare i corzetti (serve solo a imprimere un disegno sulla pasta). Lessate i corzetti al dente, scolateli 9 conditeli con il pesto, completando con le lamelle di mandorle leggermente tostate.

sabato 11 giugno 2011

Gamberi con maionese all’arancia

Sedanini alla crema di roquefort

per 4 persone


16 code di gamberi
16 foglie di spinaci
2 cucchiai di maionese
1 arancia non trattata
sale


Sgusciate le code di gamberi mantenendo le codine. Lavate le foglie di spinaci e sgrondatele. Portate a ebollizione abbondante acqua salata a cui avrete unito 2 pezzetti di scorza d'arancia, tuffatevi le foglie di spinaci e scolatele dopo circa 1 minuto, appena si saranno ammorbidite. Mettetele ad asciugare su carta da cucina. Riportate a ebollizione la stessa acqua, immergetevi le code di gamberi e cuocetele per 3 minuti.

Scolatele, asciugatele, lasciatele raffreddare e avvolgete ciascuna, al centro, in una foglia di spinacio; mettetele su un piatto da portata.
Mescolate alla maionese 2 cucchiai di succo d'arancia filtrato e la rimanente scorza grattugiata. Servite i gamberi accompagnandoli con la maionese all'arancia.

venerdì 10 giugno 2011

Filetti di trota alle mandorle

Sedanini alla crema di roquefort


per 4 persone

4 filetti di trota da circa 250 g ciascuno
100 g di mandorle a lamelle
olio extravergine di oliva
sale
pepe



Eliminate eventuali spine rimaste nei filetti di trota, poi sciacquate i filetti e asciugateli con della carta assorbente.
Disponete questi filetti con la parte della pelle verso il basso su una placca foderata di carta da forno bagnata e strizzata, e unta con un filo di olio. Spennellate il pesce con l’olio e cospargetelo di sale e pepe.
Coprite i filetti con le mandorle a lamelle e premete per farle aderire bene alla polpa. Infornate in forno già caldo per circa 8 minuti a 200°.
Fate dorare le trote sotto il grill per un paio di minuti, poi mettetele nei piatti con una paletta, accompagnandole con un contorno di verdure al vapore.

domenica 22 maggio 2011

Slow Fish 2011




Dove: Genova
Quando: 27-30 maggio
Info: www.slowfish.it
Ingresso: 5-7 euro

Quinta edizione della manifestazione dedicata al mondo ittico e agli ecosistemi acquatici organizzata da Regione Liguria e Slow Food, con spazi di approfondimento dedicati alla pesca e ai pescatori. Per la prima volta la manifestazione si allargherà al centro cittadino, con conferenze e incontri organizzati in collaborazione con il Festival della Scienza.

giovedì 19 maggio 2011

Vitigno Italia



Quando. 22-24 maggio
Dove: Napoli
Ingresso: 20 euro

Torna uno degli appuntamenti enologici di riferimento del Sud Italia. La cornice è, come sempre, quella del trecentesco Castel dell'Ovo, che ospiterà anche quest'anno vini provenienti da tutta la Penisola e nel quale saranno possibili degustazioni delle migliori etichette.

mercoledì 18 maggio 2011

Formaggi d'autore



Quando: 21-22 maggio
Dove: Gualdo (Macerata)
Ingresso: gratuito

Quindici candeline per la fiera marchigiana dedicata ai prodotti lattiero-caseari. Una vetrina eccezionale per tutti i tipi di formaggi, da degustare e acquistare negli stand allestiti nel centro di Guardo. Da non perdere l'Odissea nello Sfizio, uno speciale ristorante dove due importanti chef della regione, Peppe Rossi e Aurelio Damiani, proporranno un menu degustazione a base di formaggi.

martedì 17 maggio 2011

De Gustibus



Quando: 21-22 maggio
Dove: Parma
Ingresso: 6-7 euro

Il parco di Villa Malenchini di Carignano ospita per il sesto anno consecutivo la mostra-mercato riservata ai piccoli 'produttori della tradizione enogastronomica nazionale. Una manifestazione all'aria aperta che proporrà degustazioni dei migliori prodotti della cucina nostrana, stand con accessori per la tavola e la casa, incontri e presentazioni di libri gastronomici.

martedì 10 maggio 2011

Gelato al rabarbaro

tortino di alici e indivia

per 4 persone

600 g di rabarbaro

220 g di zucchero
2,2 dl di latte


Mondate le coste di rabarbaro delle foglie e dei fili che le percorrono in lunghezza, poi lavatele e tagliatele a pezzetti; raccoglietele in una casseruola insieme con lo zucchero e il latte, portate a ebollizione e lasciate cuocere per circa 20 minuti.
Spegnete la fiamma, lasciate raffreddare, quindi versate il composto nel bicchiere del frullatore e frullate. Lasciate raffreddare ulteriormente sino a temperatura ambiente, poi versate il composto nella gelatiera già pronta.
Azionate il temporizzatore e preparate il gelato. Una volta pronto, se non lo consumate subito versatelo in un recipiente e riponetelo nel freezer. Estraetelo 5 minuti prima di servirlo, mescolatelo rigorosamente, quindi, con l'apposito cucchiaio semisferico, distribuitelo nei singoli bicchieri e servite.